F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 1 0        2 0 1 1        2 0 1 2        2 0 1 3        2 0 1 4       2 0 1 5        2 0 1 6        2 0 1 7        2 0 1 8        2 0 1 9        >

 

V PER VENDETTA
KING KONG
BATMAN BEGINS
SIN CITY
LA MARCIA DEI PINGUINI
MALEDIZIONE DEL CONIGLIO
LA SPOSA CADAVERE
LA VENDETTA DEI SITH
DOMINO
LA FABBRICA DI CIOCCOLATO
I FRATELLI GRIMM...
BROKEN FLOWERS
I FANTASTICI QUATTRO
THANK YOU FOR SMOKING

MADAGASCAR

COMIC THRILLER DRAMA TV

PAG 2

   
 

"un John Wick da sabato-action di RAIDUE"

 

 

Ora proprietario di un jazz-bar a NY, ma precedentemente era l'agente attivo in task force. Lo apprendono a loro spese due malavitosi che volevano taglieggiarlo. Gli giunge notizia della perdita del fratello che ci ha lasciato le piume dopo che si era infiltrato in un sindacato della droga dell'est europa. Torna "attivo" per dargli giustizia. Il responsabile, in quel di Praga, pare un tale che usa le ballerine del night come corrieri... Distribuito da 'Netflix', "The Hard Way" un classico action movie, con protagonista cazzuto ("John Payne, significa dolore") e un taglio alla  JOHN WICK  (il protagonista fa pure "John" di nome) che lo rende prodotto vedibile. Dire che il proogo ante-title non faceva presagire molto di buono. Michael J. White un negrone con i muscoli al posto giusto. L'azione pesta duro, e penso all'irruzione domestica dei "babbi natale" mascherati, e assassini: roba che mi ha ricordato i fasti chucknorrisiani pi trucidi. E cosa dire della scena dove il negrone mazzula due sgherri strappando ad uno di questi un orecchio, semplicemente pigliandoli a cartellate? "Ora prendi quel coglione senza un orecchio e andatevene affanculo!". Monnezza rulez. Sulla carta ci sarebbero le giuste credenziali, ma la storia che sembra non sapere proprio quale strada imboccare, oltre a quella patina che lo avrebbe destinato anni addietro al "sabato action" della RAIDUE dello scemo del villaggio Freccero eletto (da chi?) "grande esperto di tv". Detto ci. nonostante le "cose fighe" il film tende preso a zoppiccare, penalizzato da questi ultimi difetti rilevati. Poi a mezz'ora dalla conclusione viene pure fuori che il villain, "Toro", ha la voce strana (demoniaca, per il doppiaggio italiota) che abita in una specie di santuario al cui interno c' un "buco nel terreno" definito "il portale dell'inferno". "E sembra che da l siano strisciati fuori molti ibridi umano-animali". Indovinate un po' chi ci finisce dentro spedito con un calcione? [FB]

 

[ID] DI K. WAXMAN, Con M. J. WHITE, L. GOSS, M. ANEA, R. COUTURE, AZIONE, ROMANIA, 2019, 94', 1.85:1