F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 0 0        2 0 0 1        2 0 0 2        2 0 0 3        2 0 0 4       2 0 0 5        2 0 0 6        2 0 0 7        2 0 0 8        2 0 0 9        >

 

?         TRASH

ANTICHRIST
THE HOUSE OF THE DEVIL
MOON
GRACE
THIRST
ORPHAN
CARRIERS
THE BOX
SKJULT
BLOOD CREEK
SPLICE
REC 2
PARANORMAL ACTIVITY
DRAG ME TO HELL
GIALLO

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"il film olandese che ha generato una morbosa curiositÓ tra gli internauti"

 

 

Due oche americane in Germania su di un auto a nolo hanno la sfiga di forare presso la villa di un chirurgo a cui Mengele farebbe una pippa, con una personalissima ossessione: unire tra loro corpi vivi attraverso un unico apparato digerente. Alle due andrÓ ad aggiungersi -letteralmente- un giapponese dal brutto carattere. Conseguentemente ad un assunto tanto delirante non si saprebbe davvero cosa attendersi da questo film olandese (recensito ovunque per lo pi¨ per sfregio) che ha generato una morbosa curiositÓ tra gli internauti. Essendo preparati al peggio il risultato sarÓ imbarazzante ma sempre meno demente delle aspettative. Dapprima si Ŕ indecisi se ridere o piangere, ma la risata sembra averla vinta in relazione a scivolate che subito catapultano la pellicola oltre le frontiere del trash (il folle osserva commosso le foto della tripletta canina frutto di un primo esperimento fallito) condite di dialoghi davvero ai confini della realtÓ (il nipponico mette inutilmente in guardia il sadico nella sua lingua informandolo che "i giapponesi, messi alla strette, possono rivelare una forza inimmaginabile"!!!!). No, non ci troviamo dinanzi a un filmone (tra gli attori, anche qui, abbiamo una tripletta di cani, una fotografia digitale sgranata, una regia fiacca) ma nemmeno si pu˛ negare l'efficacia di taluni momenti che la messinscena scarna, in assenza di commento musicale, comporta. Assommando le incongruenze di una sceneggiatura stiracchiata (come farebbe il mad doctor a condurre la sua "creazione" nel prato di casa se poi ne assistiamo il dolorosissimo calvario nel semplice tentativo di discendere la lettiga e risalire le ripide scale dalla cantina?!) si potrebbe desumere l'imminente disastro, ma il disagio che "Human Centipede" veicola all'incauto spettatore specie nel finale Ŕ reale. Su una cosa il novello Frankenstein aveva certamente ragione: la "parte centrale" Ŕ sicuramente la peggiore. [FB]

 

[ID] di T. SIX, CON D. LASER, A. C. WILLIAMS, A. YENNIE, HORROR, PAESI BASSI, 2009, 96', 1.85:1