F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 1 0        2 0 1 1        2 0 1 2        2 0 1 3        2 0 1 4       2 0 1 5        2 0 1 6        2 0 1 7        2 0 1 8        2 0 1 9        >

 

TV             ●●●        TRASH

LE STREGHE DI SALEM
MASKS
I BAMBINI DI COLD ROCK
BABY CALL
BYZANTIUM
CHAINED
BEDTIME
THE WOMAN IN BLACK
QUELLA CASA NEL BOSCO
THE PACT
REC 3
THE BUTTERFLY ROOM
V/H/S
CHERNOBYL DIARIES
DRACULA 3D

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"sinfonia orrorifica a tre tempi: intelligente, citazionista, ironica ma rispettosa dello spettatore"

 

 

Cinque ragazzi in fregola si ritrovano in una casa isolata nel bosco in mezzo ad alte montagne rocciose. Trovano un libro con un'evocazione e riportano in vita malefiche creature. Dj-vu? Vi sbagliate di grosso... Intelligente spettacolo ultra-citazionista (ma non solo) che mescola horror e fantascienza lovecraftiana in una veste decisamente high-tec, che partendo da un canovaccio ricalcato paro-paro sull'opera prima raimiana: lo varia, attualizzandolo, in una chiave che occhieggia alle derive televisive pure passate sotto la lente d'ingrandimento (lo stesso anno) dal nostro Matteo Garrone, ma - dolente dirlo- con risultati inferiori a questo oggetto bizzarro, sulla carta assai meno pretenzioso. Whedon, che il regista autore del marveliano  AVENGERS  e pare davvero uno che sa quello che fa, firma con "Quella Casa nel Bosco" (che in realt girato qualche anno prima ma stato distribuito solo nel 2012) una sorta di sinfonia a tre tempi: con un prologo (stra)noto, un movimento centrale orrorifico che mescola gi le carte alternando le vicende dei cinque votati al macello, "all'altro mondo" (Peter Weir, pure lui) per preparare le rutilanti variazioni finali che rasentano l'hellzapoppin citazionista (davvero l'affamato avr pane per i suoi denti: mi limito qui a piazzare "vincente" il tris di rednek usciti direttamente dal pastiche fumettaro dell'accoppiata King/Romero) incalzando e facendoci addirittura appassionare per le sorti dei due sopravvissuti [EVIDENZIA LO SPOILER] la bella Kristen Connolly ("vergine? oggigiorno bisogna sapersi accontentare") e lo stralunato "fattone". Sul versante degli effetti si nota una cura superiore (sorvolando sul falchetto digitale all'inizio) e gli sberleffi ironici sono assolutamente rispettosi e non fuori luogo: una moto lanciata nel vuoto, la rivincita dei nerds, il sano egoismo che trionfa. Lasciate perdere gli sterili remake ed entrate in "Quella Casa nel Bosco". [FB]

 

[HOUSE IN THE WOODS] di J. WHEDON, con K. CONNOLLY, C. HEMSWORTH, GROTTESCO, USA, 2012, 2.35:1