F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 1 0        2 0 1 1        2 0 1 2        2 0 1 3        2 0 1 4       2 0 1 5        2 0 1 6        2 0 1 7        2 0 1 8        2 0 1 9        >

 

●●● ½

V PER VENDETTA
KING KONG
BATMAN BEGINS
SIN CITY
LA MARCIA DEI PINGUINI
MALEDIZIONE DEL CONIGLIO
LA SPOSA CADAVERE
LA VENDETTA DEI SITH
DOMINO
LA FABBRICA DI CIOCCOLATO
I FRATELLI GRIMM...
BROKEN FLOWERS
I FANTASTICI QUATTRO
THANK YOU FOR SMOKING

MADAGASCAR

COMIC THRILLER DRAMA TV

PAG 2

   
 

"Rob Zombie gira il terzo capitolo della saga dei 'Firefly', virando al western"

 

 

Sopravvissuti -l'uno dichiara essere il Demonio in persona- i tre criminali più pericolosi d'America, evadono... Finalmente "3 from Hell", ovvero il tassello finale della trilogia sui "Firefly" iniziata da Rob Zombie  ben 16 prima con il terrificante e maledetto  LA CASA DEI 1000 CORPI  e seguita da  LA CASA DEL DIAVOLO  Com'è questo terzo capitolo? Tanto brutto come asseriscono i due motherfuckers di 'Nocturno'? Assolutamente no. Zombie parte con il super8, sgrana la pellicola, adotta un taglio simil-mockumentary, costruendo una specie di vero necrologio per il "Capitano" (Sid Haig, che a tre battute, e poi muore davvero, l'attore proprio!) poi cambia registro dopo l'evasione di "Otis", sempre interpretato da Bill Moseley, aiutato da un "terzo fratello" ("il Lupo Mannaro di Mezzanotte") fornendo un quadro "ripulito" dalla grana. Questo, è il frammento più meritevole di interesse, contemplando al suo interno una sequenza, splendida, dove vediamo Sheri Moon ("Baby", sempre fuori come un balcone) en travesti (il suo è un carnevale horror pre-Covid) distruggere al ralenti la preda, nuda, dinnanzi ad una vecchina che osserva senza scomporsi (!) Sempre qui, Moseley era stato protagonista della battuta topica: "quindi sono libero di andare?", chiedeva il clown che non fa ridere, e Otis replicava "diritto nel paradiso dei clown!". Lo splatter, forse più contenuto, vedrà comunque una cacciatrice di taglie "spellata" (la faccia, appesa ad un ramo dell'albero al quale è legata) più di un nudo femminile, ma i fan della Moon (causa invecchiamento precoce) resteranno delusi. Si chiude in trasferta in Messico, dove "i nostri", giunti sul pulmino dei frikkettoni, dovranno vedersela con il figlio vendicativo di Danny Trejo (!) che intende regolare i conti, col suo esercito in maschera, tipo "El Santo". Qui il registro si da western, ma è la chiusa tempestiva ti lascia a domandarti se sia esaurito il budget... [FB]

 

[ID] DI R. ZOMBIE, Con S. MOON ZOMBIE, B. MOSELEY, R, BRAKE, S. HAIG, HORROR, USA, 2019, 116', 1.85:1