F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 7 0        1 9 7 1        1 9 7 2        1 9 7 3        1 9 7 4      1 9 7 5        1 9 7 6        1 9 7 7        1 9 7 8        1 9 7 9        >

 

●●●●

C'ERAVAMO TANTO AMATI
FRANKENSTEIN JR
PROFUMO DI DONNA
FANTASMA DEL PALCOSCENICO
SUGARLAND EXPRESS
IL PROFUMO DELLA SIGNORA...

NON APRITE QUELLA PORTA
L'ANTICRISTO
SPASMO

NON SI DEVE PROFANARE...
IL PADRINO PARTE II
CANI ARRABBIATI
DOSSIER ODESSA
CHINATOWN
L'ENIGMA DI KASPAR HAUSER

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"horror/thriller psicologico sorprendente che non ha goduto la fama che meritava"

 

 

A Roma, la giovane responsabile di un'industria specializzata in colori, legata sentimentalmente ad un uomo appassionato di Africa e rituali connessi, inizia a coltivare delle visioni legate alla sua infanzia. Poi, altre strane cose iniziano ad accaderle e quel che peggio che le persone che le stanno vicino (il fidanzato, l'amica del cuore che sta al piano di sopra, l'anziano che vive sullo stesso suo pianerottolo, il portinaio, un distinto uomo di colore, una sensitiva) paiono celare qualcosa di enormemente inquietante. Vogliono farla impazzire o tutto solamente frutto di una mente malata che finisce sopraffatta dagli incubi del passato? Trama dalla connotazione fortemente mysterica [EVIDENZIA LO SPOILER] che si scopre terrificante fiaba nera in contesto urbano, per un horror/thriller psicologico che si delinea poco alla volta per accumulo di dettagli e particolari che se da un lato chiariscono il passato della protagonista, dall'altro confondono un presente popolato di ombre. Quasi un viaggio nell'inconscio della fragile psiche della ragazza (un personaggio dir: "entrare nel cervello") nella quale torna a galla un trauma legato all'infanzia fin troppo presto rimosso. Scenografie liberty, notevole fotografia e grande gestione dei tempi della tensione da parte dell'esordiente autore/regista Francesco Barilli che subito denota una cura non comune per l'inquadratura. Anticipando clamorosamente  L'INQUILINO DEL TERZO PIANO   stato pure oggetto di spunti per il migliore Argento: la "mannaiata" di spalle a tutti gli effetti un debito formativo dell'autore di  PROFONDO ROSSO  Mimsy Farmer una Nicole Kidman precipitata nell'orrore, in una parte splendidamente disegnata per lei: l'immedesimazione dello spettatore conseguente. Nicola Piovani gi riconoscibile, a una delle prime prove. Film sorprendente (dal finale ultra-shock) che non ha goduto la fama che meritava, da riscoprire. [FB]

 

DI F. BARILLI, CON M. FARMER, M. SCACCIA, O. ORLANDO, E M. BONUGLIA, HORROR, ITA, 1974, 101', 1.85:1