F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 8 0        1 9 8 1        1 9 8 2        1 9 8 3        1 9 8 4      1 9 8 5        1 9 8 6        1 9 8 7        1 9 8 8        1 9 8 9        >

 

●●

PREDATOR
ROBOCOP
LA CASA 2

ARIZONA JUNIOR
SALTO NEL BUIO
ANGEL HEART

IL SIGNORE DEL MALE
HELLRAISER
OPERA
LE FOTO DI GIOIA
FULL METAL JACKET
GLI INTOCCABILI
IL PATRIGNO
ATTRAZIONE FATALE
RADIO DAYS

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"l'innocua commediola di George Miller non può certo dirsi riuscita"

 

 

"Evocato" involontariamente, giunge in una ridente cittadina uno sconosciuto: un miliardario che ammalia, seduce e conquista il cuore di tre donne del luogo: le tre rifioriscono e si scoprono "streghe". Lui, che è un diavolo, anzi IL Diavolo le vorrebbe sempre per sé, ma ad un certo punto, le tre gli si rivoltano contro... George Miller, di ritorno dalla trilogia di  INTERCEPTOR  aka "Mad Max" prima di baloccarsi tra maiali e pinguini dei film dementi per famiglie (dai quali si sarebbe "mondato", tornando inaspettatamente a bomba, dopo trent'anni al suo giocattolino preferito) aveva realizzato, a seconda metà del decennio '80 inoltrata, una commediola innocua con cast all stars. "Le Streghe di Eastwick" non può certo dirsi un film riuscito: infarcito di volgarità (nei dialoghi è difficile trovare tante trivialità in un eguale prodotto simile) scadute del cattivo gusto (la perdibile sequenza dei noccioli di ciliegia, "vomitati" dalla vittima del fervore religioso). Il quartetto di attori è di prima fila, con Nicholson (con il codino, doppiato nella solita maniera sconsiderata) la Sarandon, la Pfeiffer e l'immancabile Cher. L'incontenibile Jack, non tenuto al guinzaglio da un regista capace di tenergli corda, è ovviamente un gigione incontrollato che fa smorfie e rotea gli occhi, ma altrove fece pure peggio. Oltre il kitsch la sequenza tra i palloncini rosa sul "Nessun Dorma" cantato da Pavarotti, e nel mare di innocue sciocchezzuole registiche tra il lezioso (il doppio a tennis). Dopo quasi novanta minuti, gli sceneggiatori si ricordano che il film vorrebbe essere una comemdia orrorifica, ma è tardi e occorre chiudere in fretta. Resta qualche lazzo negli sguardi di Nicholson, il mostrone finale che compare per un lampo dietro al finestrone, una Sarandon e una Pfeiffer ancora carine e poco altro. Oltre ad un John Williams dimesso, trova spazio un'improbabile versione bandistica di "Eine Kleine Nachmusick". [FB]

 

[ID] di G. MILLER, CON J. NICHOLSON, S. SARANDON, M. PFEIFER, CHER, FANTASY, USA, 1987, 107', 2.35:1