F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 7 0        1 9 7 1        1 9 7 2        1 9 7 3        1 9 7 4      1 9 7 5        1 9 7 6        1 9 7 7        1 9 7 8        1 9 7 9        >

 

●●●●

C'ERAVAMO TANTO AMATI
FRANKENSTEIN JR
PROFUMO DI DONNA
FANTASMA DEL PALCOSCENICO
SUGARLAND EXPRESS
IL PROFUMO DELLA SIGNORA...

NON APRITE QUELLA PORTA
L'ANTICRISTO
SPASMO

NON SI DEVE PROFANARE...
IL PADRINO PARTE II
CANI ARRABBIATI
DOSSIER ODESSA
CHINATOWN
L'ENIGMA DI KASPAR HAUSER

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"la pi¨ incredibile storia di amore universale mai narrata"

 

 

Spregiudicato avvocato inguaiato con la Cassa del Mezzogiorno ricorre a mezzucci per riuscire ad andare in porto con una lottizzazione nel Salento. Firma un contratto nuzlale con una duchessa prendendosi la figlia: quindicenne cerebrolesa rimasta ferma all'etÓ puerile. Per totalizzare deve per˛ riuscire a modificare la postilla che lo esclude dalla dote. Organizza cosý un finto rapimento per compromettere la purezza dell'infanta e rintrattare. Le tendenze ninfomaniache di costei sono solo forse un disperato bisogno d'amore? Bizzarrie cinematografiche d'autore. Erano gli anni '70 e il nostro cinema si poteva permettere di trattare di pedofilia con il sorriso sulle labbra. E con l'aggravante del fatto che la ragazzina abusata (ma il protagonista dirÓ di sÚ stesso, di essere lui l'oggetto dell'abuso) sia poi una minorata mentale ("sangue debole, e poi la scontano i figli!") che non emette nessun suono articolato fuor di vagiti onomatopeici da poppante... Riepiloghiamo: la domestica che masturba ("si chiama ditalino") l'infelice Clotilde ("per farle prendere sonno!") dopo essere stata a sua volta sodomizzata dall'(almeno)inizialmente laido protagonista, e complimenti al coraggio di Proietti che dopo essersi fatto cavalcare dalla "piccola" nuda, essersi fatto bagnare (!) raccogliendole la "pup¨" con le mani, avrÓ a commentare "o sono matto io o sono matti gli altri". Va detto che Lattuada riesce a trattare tutta questa roba con sincera tenerezza, facendone una storia di amore universale con svolta drammatica inattesa (dove la sofferenza di "Clo" raggiunge picchi d'insostenibilitÓ) con "Le Far˛ da Padre" che sfiora il rape&revenge, sino alla chiusa che si fa addirittura [EVIDENZIA LO SPOILER] struggente. Teresa Ann Savoy pare inventata per quanto primordiale nella sua pura essenza. Irene Papas e Mario Scaccia, completano un cast di ottimi comprimari. Di buona fattura le musiche, anzi di... Bon-gusto. [FB]

 

DI A. LATTUADA, CON G. PROIETTI,  T. A. SAVOY, I. PAPAS, M. SCACCIA, EROTICO, ITA, 1974, 101', 1.85:1