F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 9 0        1 9 9 1        1 9 9 2        1 9 9 3        1 9 9 4      1 9 9 5        1 9 9 6        1 9 9 7        1 9 9 8        1 9 9 9        >

 

 

NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS
CARLITO'S WAY
UN MONDO PERFETTO

CARO DIARIO
JURASSIC PARK
THE VANISHING

LA METÓ oSCURA

L'ARMATA DELLE TENEBRE
M BUTTERFLY
IL FUGGITIVO
LEZIONI DI PIANO
SCHINDLER'S LIST
NEL NOME DEL PADRE
L'ETÓ DELL'INNOCENZA

FILM BLU

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
     

 

Jack Skeletron Ŕ amato e rispettato, nel suo mondo fatto di zucche, fantasmi e mostri delle fiabe nere. L'idea balzana di scambiarsi le festivitÓ tra la dimensione oscura e la nostra, rischia di compromettere il delicato equilibrio. Co-diretto da Henry Selick, "Nightmare Before Christmas" Ŕ in realtÓ un prodotto burtoniano al 100% e come una meravigliosa lanterna magica contiene tutte le suggestioni care al regista estimatore del lato horror delle fiabe, rappresentando -a tutt'oggi- il suo prodotto pi¨ riuscito. L'idea di ritagliare nella vicenda siparietti da musical (ma siamo pi¨ dalle parti dell'Opera da Tre Soldi di Brecht/Weill) si rivela vincente, offrendo al musicista Danny Elfman la possibilitÓ di ricreare quanto di meglio sia nelle sue capacitÓ. Pi¨ che la citazione in sÚ, Ŕ il caleidoscopio di trovate, scenografie e personaggi animati "alla vecchia maniera" in stop-motion (animazione di pupazzi a passo-uno) molto bene caratterizzati, con un gusto in bilico tra il comico e il macabro, a fare di "Nightmare Before Christmas" un'opera unica nel suo genere e per molti versi un autentico "classico". Impossibile non intenerirsi con il personaggio di "Sally", una bambola-vivente creata da un mad doctor in carrozzina, che per sfuggirgli non esita a scaraventarsi gi¨ da un torrione, finendo a pezzi, per poi ricucirsi le membra con ago e filo: anche da sola, questa scena varrebbe l'ora e un quarto spesa davanti allo schermo, a riassumere tutta la poetica di un genere che -ai suoi albori- tratteggiava i "mostri" anzitutto come "freak", creature sfortunate (vedasi il Frankenstein di Whale) per le quali si poteva provare anche compassione. Plauso incondizionato agli animatori che rivaleggiano con il 3D, con i loro artigianali modellini. Ad impreziosire la versione italiana, una volta tanto, azzeccata Ŕ la scelta di affidare voce e performence canore del protagonista ad un istrione, qual Ŕ Renato Zero. [FB]

 

[ID] di T. BURTON & H. SELICK, ANIMAZIONE, USA, 1993, 86', 1.85:1, VOTO: 10