F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 7 0        1 9 7 1        1 9 7 2        1 9 7 3        1 9 7 4      1 9 7 5        1 9 7 6        1 9 7 7        1 9 7 8        1 9 7 9        >

 

●●●

C'ERAVAMO TANTO AMATI
FRANKENSTEIN JR
PROFUMO DI DONNA
FANTASMA DEL PALCOSCENICO
SUGARLAND EXPRESS
IL PROFUMO DELLA SIGNORA...

NON APRITE QUELLA PORTA
L'ANTICRISTO
SPASMO

NON SI DEVE PROFANARE...
IL PADRINO PARTE II
CANI ARRABBIATI
DOSSIER ODESSA
CHINATOWN
L'ENIGMA DI KASPAR HAUSER

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"un thriller che non va per il sottile: nuditÓ, sangue, violenza. Dario Argento, ringrazia."

 

 

Una doppia doccia gelata spetta a uno scrittore di ritorno a Firenze: la moglie Ŕ morta di parto, e lui non pu˛ essere il padre dato che scopre di essere sterile. Incappa in una ragazza incinta e questa viene squartata. Seguono altre vittime, tutte legate dall'essere in stato interessante, anche da poco. La 'firma' che l'assassino lascia su di loro Ŕ una sorta di ideogramma legato - appunto - ad antiche divinazioni di dee della fertilitÓ... "Un colpo solo, inferto dal basso verso l'alto: dal clitoride allo sterno!". Non va per il sottile questa descrizione della prima vittima tra le "5 Donne per l'Assassino" evocate dal titolo di questo thriller italico a firma di Stelvio Massi, quello della serie "Mark Il Poliziotto", qui al suo esordio. Indovinate chi Ŕ la vittima? Una giÓ riconoscibilissma (e ovviamente nudissima) Ilona Staller (!) che il protagonista, Francis Matthews, attore britannico proveniente dalla Hammer doppiato dal grande Pino Locchi (la voce di Connery) soccorre dopo un quasi-investimento. Howard Ross Ŕ un ingessatissimo ispettore addetto all'indagine, e c'Ŕ pure Giorgio Albertazzi, il primario "gigione". Musiche raffinatissime di Giorgio Gaslini. Dal momento che il film Ŕ dell'anno prima di  PROFONDO ROSSO  non viene casuale il collegamento, ma a differenza del capolavoro qui, a parte il susseguirsi di morti violente per mano del maniaco (del quale vediamo i classici guanti, ma non di pelle nera, ma di lana!) il ritmo Ŕ a tratti zoppo. Per˛ va riconosciuto a questa sconosciuta pellicola una certa efferatezza nella messinscena, oltre ai punti di contatto con il film sopra citato, da ultimo per il ricordo del "particolare" (qui i vasi sul cornicione) che rivelerÓ il colpevole, e un confronto finale (con ascia!) che davvero pare "anticipatore". Parco femmine ricchissimo, con nudi integrali molto generosi. Da non confondere con il quasi omonimo  SEI DONNE PER L'ASSASSINO  di Bava, il vero capostipite di tutto il filone. [FB]

 

DI S. MASSI, CON F. MATTHEWS, G. ALBERTAZZI, H. ROSS, P. RIVAULT, THRILLER, ITA, 1974, 95', 1.85:1