F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





ROYA ROYA2 BEVERA VESUBIE AZUR AZUR2 AZUR3 PAILLON PAILLON2 AZUR4 VAR LOUP AZUR5 AZUR6 ESTERON TINéE

 

 

LES SABLETTES
LE BASTION
SOLENZARA
LE PIRATE
POINTE DU CAP

CRIQUES DU CAP

*

PLAGE DU BUSE
PLAGE BLANQUE
LE GOLF BLEU
PLAGE DU ROQUER
POINTE DE LA VEILLE
MONTE-CARLO BEACH

1/4    2/4    3/4    4/4

MAPPA NON DISMPONILE

   
 

"Balzi Rossi-Menton Plage des Sablettes-Le Bastion-Solenzara-Le Pirate"

 

 

Celebre locale di Cap Martin  LE PIRATE  ebbe nel suo ventennio di massimo splendore tra gli avventori un gran numero di artisti di primissimo piano. Oggi resta poco più che un reperto archeologico di un'epoca irripetibile. quando ci si poteva trovare seduti accanto a Frank Sinatra o alla Bardot. Quel che accadeva lì dentro sopravvive in un orrendo film francese con Aldo Maccione protagonista, nei panni di un pizzaiolo italiano che si improvvisa riccone per far colpo con la bellona di turno, offrendole appunto una cena al "Pirata" (la pellicola si intitola "Pizzaiolo et Mozzarel" per chi si volesse male). Da quanto si vede nel film il pittoresco personaggio a capo del locale "stappava" le bottiglie di vino e spumante con una sciabolata con contorno di finti "mozzi" a brandire fiaccole accese, torsi villosi e tamarraggine a chili. Sicuro però, da quanto ho sentito, si mangiava molto bene al di là delle grottesche coreografie che pur attiravano il fior del jet-set in transito monegasco. A conferma del vecchio adagio che a far scena si è già metà dello spettacolo. Provenienti da Menton con il nostro kayak lo incontriamo puntando diritti in direzione del castello (foto a lato) simbolo del Cap assieme al Grand Hotel che incontreremo prolungano la gita in punta alla propaggine di terra che si spinge verso il mare. Dal primo quartiere di Roquebrune (foto 1) appena dopo Mentone (foto 2). Il "Pirata" (foto a lato) ci appare oggi un locale in decadenza, lasciato così com'era allora, senza doverosi interventi di restyling. E' pure logicamente ancora possibile approdare con un piccolo mezzo qual è il nostro kayak, a conferma che quanto visto nel succitato film con Maccione era vero. "Il più bel locale della Costa Azzurra". Forse, un tempo. Proseguendo il profilo della costa puntando verso il Capo (foto 3) troveremo non poche imbarcazioni qui ormeggiate. [FB]

 

LUNG 3 KM (TOT 6) - GIRO (A+R) 2H