F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 1 0        2 0 1 1        2 0 1 2        2 0 1 3        2 0 1 4       2 0 1 5        2 0 1 6        2 0 1 7        2 0 1 8        2 0 1 9        >

 

●●● ½  

THE WITCH
THE NEON DEMON
THE WAILING
BASKIN
31
THE CONJURING 2
HUSH IL TERRORE DEL SILENZIO
THE FOREST
THE INVITATION
YOGA HOSERS
SOMNIA
JEEPERS CREEPERS 3
HOLIDAYS
*PARADISE BEACH
THE BOY

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"può oggigiorno un film di zombie essere originale?"

 

 

Coppia di scalcinati Bonnie and Clyde nell'assolata e desertica autostrada che attraversa il deserto americano incappano in... uno zombie! Lui ci lascia la pelle, lei prosegue a piedi col morto che continua a seguirla... Può essere un film di zombie, oggigiorno, originale? Anzituttto lo zombie è romeriano in tutto e per tutto: non corre, non salta, non si arrampica. Per questo fa molta paura. Il film è originale proprio nella sua intierezza e nell'empatia che si forma giocoforza tra i due dopo un avvio "complicato". In un certo senso, il morto che cammina si presterà ad un'evoluzione ulteriore del "Bub" de  IL GIORNO DEGLI ZOMBI  in un crescendo inatteso di drammaticità. "Tu sei un fottuto stalker!" gli urla dietro la Allen, ma siccome lei cammina più velocemente riesce comunque sempre a tenerlo ad una certa distanza, tant'è che inizia a parlargli come fosse un fastidioso "pretendente". E quando arriva la notte? E' sufficiente arrampicarsi su qualche roccia dove l'importunatore potrà al limite giungere a sfiorarla appena. E vogliamo parlare di quanto prova a trattarlo come un cane, facendogli ricorrere l'assorbente? Lo stile e il mood però è tutt'altro che demenziale, e se lei prende la cosa sottogamba è per via della cocaina di cui si strafà strada facendo, almeno sino a che lo zombie non le fa rovesciare la busta con la polverina in terra. Se lei di aspetto para una pornostar è perché faceva la lapdancer in qualche locale di Las Vegas, lui ha l'aspetto che dava ai ritornanti il grande Tom Savini. La "strana coppia" entrerà sempre più in un forzato "affiatamento" dopo un involontario "salvataggio" in una inedita versione della classica "sindrome di Stoccolma". L'immagine della "puttanella" con le zeppe e i pantaloni leopardati che attraversa il deserto tirandosi addietro un canotto (vedrete rimediato come) e il bizzarro incomodo ci accompagnerà per molto tempo. George, l'avesse visto, l'avrebbe apprezzato. [FB]

 

[IT STAINS THE SANDS RED] di C. MINIHAN, con B. ALLEN, J. RIEDINGER, HORROR, USA, 2017, 92', 2.35:1