F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 0 0        2 0 0 1        2 0 0 2        2 0 0 3        2 0 0 4       2 0 0 5        2 0 0 6        2 0 0 7        2 0 0 8        2 0 0 9        >

 

          MOH2

INLAND EMPIRE
THEM
BUG

THE PRESTIGE
HOSTEL
THE HOST
THE ILLUSIONIST
LA VOLTAPAGINE
SILENT HILL
THE BLACK DAHLIA
LADY IN THE WATER
SEVERANCE

NON APRITE... L'INIZIO
LE COLLINE HANNO GLI OCCHI
SAW III

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"si salverebbe per certe inquadrature desertiche ma quanto a rinnovamento non dice nulla"

 

 

Nel deserto dell'Arizona una famiglia in roulotte (?) attaccata da un pugno di mutanti figli delle vittime degli esperimenti nucleari condotti negli anni '50. Inizia un'estenuante e feroce lotta per la sopravvivenza... Dello spettatore, verrebbe da dire! Fare meglio di un prototipo moscio e invecchiato malissimo era facile, tant' che il peggiore elemento della nouvelle horror-vague francese Alexandre Aja manca il goal a porta sguarnita. Diciamolo subito: il remake ufficiale de "Le Colline hanno gli Occhi" si salverebbe solo per certe inquadrature desertiche, ma quanto a rinnovamento, scelta di cast e guizzi di regia, non si lascia dietro praticamente niente. Si diceva di remake "ufficiale" considerando titoli come  WRONG TURN  almeno tentativi del voler "variare il tema". Aja un bambinone e crede che far trasmettere dalla radiolina dell'allegra famigliola che per raggiungere la California pensano (male) di attraversarne prima il deserto, "Sognando California" sia una trovatona. Per il resto tutto un dj-vu di situazioni trite e ritrite (il cimitero degli automezzi depredati) con spaventi telefonatissimi ("Jupiter" che sfonda la parete) che non avrebbero spaventato mia nonna. Il mutante che osserva con il binocolo a distanza di un miglio ma sente perfettamente cosa si stanno dicendo gli osservati tanto che ne ripete le parole (con immancabile vocione) fa il paio con l'occhialuto pantofolaio che si trasforma in Rambo. L'approssimazione contagia anche la troupe che spaccia una carcassa di cane vecchia di mesi per una bestiola appena uccisa, e le scene potenzialmente shock (un uomo si polverizza il volto con una fucilata ravvicinata, il capofamiglia arso vivo dai pixel!) fanno al pi alzare gli occhi al cielo in segno di piet mista a compassione. Quel che peggio che la noia inizia presto a dominare, e quando entra in scena la "squadra mutante" si carambola nel trash conclamato. [FB]

 

[THE HILLS HAVE EYES] di A. AJA, con A. STANFORD, HORROR, USA, 2006, 107', 2.35:1