F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 0 0        2 0 0 1        2 0 0 2        2 0 0 3        2 0 0 4       2 0 0 5        2 0 0 6        2 0 0 7        2 0 0 8        2 0 0 9        >

 

 





LA CASA DEI 1000 CORPI
OLD BOY
OPEN WATER

NON APRITE QUELLA PORTA
IL TEMPO DEI LUPI
IDENTITA'

ALEXANDRA'S PROJECT
SWIMMING POOL
WRONG TURN
ALTA TENSIONE

-

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
     

 

Il progetto di Alessandra consiste nel confezionare un regalo molto particolare per il compleanno del marito. Il regista Ŕ australiano e difatti non si respira un'aria propriamente politically correct all'hollywoodiana. Questo thriller atipico destabilizza nel profondo e incatena lo spettatore mettendolo in una posizione assai simile a quella del protagonista. Gli attori impegnati sono adeguatamente convincenti (notevoli entrambi) e se qua e la si perde un po' il mordente Ŕ colpa di una sceneggiatura che non riesce pienamente a gestire l'alto potenziale a disposizione: troppe volte il film si mette in pausa per ripartire, raffreddando il climax e la tensione che per contro giocava sull'accumulo, mentre alcuni dettagli paiono poco convincenti e altri rovesciamenti assai inverosimili. Ma il "progetto" al fine riesce a coinvolgere proprio nella sua imprevedibilitÓ. Se all'inizio si capisce che la sorpresa che ha in serbo Alexandra potrÓ non piacere al partner e l'attrice che la impersona imprime il giusto stato d'animo nei tick e nel nervosismo insito nella drastica decisione, la visione completa del suo piano si disvela poco alla volta, stuzzicando parecchio il voyerismo e la curiositÓ di chi assiste, rivelandosi come una metafora del rapporto di coppia che pu˛ implodere da un momento all'altro e di certi atteggiamenti che possono essere male accolti germinando nel rancore e degenerando poi in maniera incontrollabile e tragica. "Alex" Ŕ pazza? Probabile. Ma la pazzia pu˛ variare a seconda di chi la giudica. E allora un accorato appello: tenete lontano la vostra partner da questo film! Meglio prevenire che curare. Questa Ŕ una pellicola passata in veritÓ piuttosto in sordina, un'opera che ti trasmette un autentico senso di disagio (anche e soprattutto dopo i titoli) e che merita anche solo per questo di essere recuperata. [FB]

 

[ID] di R. DE HEER, con G. SWEET E  E. BUDAY, THRILLER, USA, 2003, 100', 2.35:1, VOTO: 7