F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 8 0        1 9 8 1        1 9 8 2        1 9 8 3        1 9 8 4      1 9 8 5        1 9 8 6        1 9 8 7        1 9 8 8        1 9 8 9        >

 

●●

ZELIG
IL RITORNO DELLO JEDI
RE PER UNA NOTTE
MONTY PYTHON IL SENSO...
MAI DIRE MAI
LA CASA

ZEDER
CHRISTINE
TENEBRE
MIRIAM SI SVEGLIA...
SCARFACE
LA ZONA MORTA
CUJO
VIDEODROME
L'ASCENSORE

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"Moore ormai prossimo alla pensione, con la testa proiettata in qualche paradiso tropicale"

 

 

A Berlino-Est il circo Octopussy Ŕ solo di copertura per un traffico di "uova FabergŔ" e altri cimeli appartenenti al tesoro degli Zar col quale un cane sciolto dell'esercito russo intende finanziare la sua guerra privata. James Bond dovrÓ spingersi dall'India misteriosa sin oltre la Cortina di Ferro per scongiurare l'apocalisse...  L'onesto regista John Glen ormai ha preso le redini della serie di "007" e in piena "guerra fredda" mette in scena tutto il corredo di caricature sui russi guerrafondai che parlano in maniera buffa (gli americani sono ovviamente al di sopra dei sospetti) con un cattivissimo generale "ruosso" (Steven Berkoff che tornerÓ pi¨ o meno nello stesso ruolo nel delirio macho-edonista di Stallone dell'85) in combutta con un principe indiano da operetta (tale "Kamal Khan"). A mero corollario un'umanitÓ varia e colorata di biscazzieri (uno con un letale yoyo) il "Sandokan" televisivo Kabir Bedi, Maud Adams -giÓ parte della serie- una regina delle amazzoni. Il prologo Ŕ sicuramente uno dei pi¨ spettacolari della serie con un mini jet a reazione che ne combina di ogni, ma purtroppo quel che segue non Ŕ all'altezza delle aspettative: poche novitÓ (al tavolo verde questa volta Bond gioca -e vince- a "backgammon") e una battuta di caccia alla tigre con il Bond predato da una maramaglia assortita e salvato da una comitiva di turisti. Se l'azione Ŕ quasi interamente concentrata in coda (l'epico -almeno quello- scontro sul treno in corsa, l'esagerata ma non estenuata missione impossibile con countdown compreso) Moore, ormai prossimo alla pensione, giÓ si tocca un ginocchio dolorante con la testa proiettata in qualche paradiso tropicale. C'Ŕ da dire comunque che l'opaco "Octopussy Operazione Piovra" vincerÓ il derby al botteghino con il rivale Connery. Alle musiche nuovamente John Barry i cui fasti sono lontani anche loro, che qui si da a melodie sdolcinate che non lasciano segno. [FB]

 

[ID] di J. GLEN, CON J. BOND, M. ADAMS, L. JOURDAN, K. BEDI, K. WAYBORN, SPY, UK, 1983, 126', 2.35:1