F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 9 0        1 9 9 1        1 9 9 2        1 9 9 3        1 9 9 4      1 9 9 5        1 9 9 6        1 9 9 7        1 9 9 8        1 9 9 9        >

 

●●●





AUDITION
IL SESTO SENSO
THE BLAIR WITCH PROJECT

IL MISTERO DI SLEEPY HOLLOW
IL VIAGGIO DI FELICIA
SOS SUMMER OF SAM
ECHI MORTALI
LA NONA PORTA
NAMELESS
IL MIGLIO VERDE
-

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"thriller atipico su un altro serial killer cresciuto all'ombra dell'ingombrante figura materna"

 

 

A Londra, un buffo individuo con la passione per l'arte culinaria, ereditata dalla madre che conduceva addirittura un programma televisivo, direttore di catering in una grande mensa, vive in una sorta di passato artificiale che vuole preservarlo dagli altri, in un ovattato passato rassicurante. IncontrerÓ una ragazza madre in fuga dall'Irlanda fuggita da casa per ritrovare il fidanzato che lý lavora. L'uomo nasconde un segreto... Regista armeno che gode di un certo credito nei Festival Internazionali, Atom Egoyan, quattro anni dopo  EXOTICA  gira in Inghilterra "Il Viaggio di Felicia". Elaine Cassidy, diafana bellezza e attrice d'innata sensibilitÓ (l'avremo poi vista solo diretta con la Kidman nel film americano di Amenabar) che non ha avuto la fortuna che avrebbe meritato, condivide la scena con un Bob Hoskins nell'insolito ruolo di un pur particolarissimo "cattivo", in un thriller atipico che lascia le violenze totalmente fuoricampo, concentrandosi sulle psicologie dei personaggi. "Il cibo deve essere servito da mani amorevoli, non da macchine" parrebbe tradire un pensiero comunista, e invece svela il passato di un piccolo uomo vissuto all'ombra ingombrante di una madre onnipresente che continua a seguire -dinanzi a favolosi tavoli apparecchiati di pranzi pantagruelici- la madre-tv, registrata su nastri magnetici: un vezzo che si sarebbe riverberato anche per ben altre perversioni frutto di psicologie deviate. Il "serial killer portrait" di Egoyan Ŕ un collezionista sulla falsariga di Barbabl¨ (versione 2.0: le teste collezionate sono solo "virtuali") ma che Ŕ intimamente apparentato con il Norman Bates hitchcockiano, ma andrÓ in tilt dinanzi allo stato della sua nuova potenziale vittima. Film minimalista, e forse un po' pedante, ma con una regia salda, una livida fotografia (ultra-contrastata nei flashback) con i violini dell'Orchestra Mantovani giÓ a sottolineare turbe psichiche per Formann in colonna sonora. [FB]

 

[FELICIA JOURNEY] di A. EGOYAN, CON B. HOSKINS E  E. CASSIDY, THRILLER, UK, 1999, 115', 2.35:1