F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 0 0        2 0 0 1        2 0 0 2        2 0 0 3        2 0 0 4       2 0 0 5        2 0 0 6        2 0 0 7        2 0 0 8        2 0 0 9        >

 

 

MIAMI VICE
INSIDE MAN
IL LABIRINTO DEL FAUNO

VOLVER
SCOOP
CARS

SUPERMAN RETURNS
I GUARDIANI DEL GIORNO
X-MEN CONFLITTO FINALE
LITTLE MISS SUNSHINE

L'ARTE DEL SOGNO
A SCANNER DARKLY
LA MALEDIZIONE DEL FORZIERE
RADIO AMERICA
300

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
     

 

Un giovane creativo torna in Francia dal Messico per impiegarsi in un'azienda a Parigi. Incontra una ragazza che pare avere parecchio in comune con lui... Ritorna la divertita anarchia visiva di Gondry dopo l'esploit di "Eternal Sunshine..." (da noi, tradotto nell'idiota "Se mi lasci ti cancello") a costellare il film delle solite trovate visive geniali alle quali ci ha abituato. Qualcosa per˛ non funziona come nel predecessore. Forse Ŕ Gael Garcia Bernal a non rivelarsi espressivo come la sua parte richiederebbe o pi¨ malignamente si gli si potrebbe imputare una minore incisivitÓ di un Carrey che con la sua presenza non finiva -come in questo caso- travolto dal caleidoscopio di non sense; pure la Charlotte Gainsbourg non ha il fisic du role di una Winslet, talmente caruccia in "Eternal" da far scattare in chiunque la cottarella. Se nell'altro film si andava indietro e avanti nei ricordi che il protagonista cercava di "resettare", qui abbiamo gli sconvolgimenti nella testa di un giovane che si scopre inaspettatamente innamorato. Stephane e Stephanie, non sono poi altro che le facce di una stessa medaglia e apparentemente sembrerebbero davvero fatti l'uno per l'altra. Lui Ŕ un fragile sognatore e le sue fantasticherie si traducono in viaggi extracorporei nei quali realtÓ e fantasia si confondono e non di rado lo portano a trovarsi dall'una all'altra senza quasi accorgersi, con conseguenti situazioni imbarazzanti, grottesche e per noi spettatori: esilaranti. Lei Ŕ pi¨ immatura, soggetta a sbalzi d'umore (come il 99% delle donne), pure lei Ŕ frustrata da una vita che non vorrebbe sua e condisce il rapporto con il ragazzo con estrema tenerezza. Il loro Ŕ quasi un gioco innocente tra due bambini di sesso opposto ed Ŕ infatti per questo che quando il senso di responsabilitÓ si affaccia, il rapporto s'incrina e i due si allontanano. Menzione d'onore alle macchine "impossibili" inventate dal protagonista. [FB]

 

[SCIENCE DES REVES] di M. GOUNDRY, con G. BERNAL, SENTIMENTALE, FRANCIA, 2006, 105', 1.85:1, VOTO: 7