F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 0 0        2 0 0 1        2 0 0 2        2 0 0 3        2 0 0 4       2 0 0 5        2 0 0 6        2 0 0 7        2 0 0 8        2 0 0 9        >

 

THE VILLAGE
L'UOMO SENZA SONNO
COLLATERAL

WOLF CREEK
LA MALA EDUCACION
THE WOODSMAN
LUNGA DOMENICA DI PASSIONI
SAW
LE CONSEGUENZE DELL'AMORE
EVILENKO

36 QUAI DES ORFEVRES
L'ALBA DEI MORTI VIVENTI
L'ALBA DEI MORTI DEMENTI
LA PASSIONE DI CRISTO

THE GRUDGE

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"film di poliziotti che si prendono a testate che si fa fatica a seguire senza spazientirsi"

 

 

Mentre la polizia di una plumbea capitale di Francia intenta a festeggiare il concedo del commissario di turno, un commando ben attrezzato assalta un furgone portavalori. Il capo della squadra antirapina entra in attrito con il corrispettivo dell'antibanditismo (quasi un derby carabinieri vs polizia) e finisce incastrato... Poliziesco d'oltralpe che riunisce due grossi nomi del cinema francese come Daniel Auteuil e Gerard Depardieu. "36 Quai des Orfevres" l'indirizzo della polizia di Parigi. Si inizia non proprio benissimo, su musica incessante e il solito "Luc Besson style", ma poi questo film riserverebbe anche dei colpi di scena, non fosse che la vicenda finisca strozzata nel marasma generale, che vuole: tizio tradisce caio che tradito da Sempronio. Violentissimo, anche solo sul piano verbale ("se ti avvicini ancora a Man, ti apro la pancia e ti metto dentro la testa di tuo fratello") spesso gratuitamente volgare (il gergo dei poliziotti ben peggiore di quello dei criminali) e con malavitosi che definire stereotipati sarebbe poco, che prima di ascoltarli ("un giorno aprirai alla porta e io sar l" see) devi leggerli, tatuati come sono dal capo ai piedi! La nostra Valeria Golino compare in una doccia e si concede a sprazzi a favore di cinepresa, lamentando di "aver messo su un culone" (sic) e nemmeno il passaggio dialogico pi deficiente (la figlia di Auteuil chiama il padre "pappone"). La vedremo poi cercare chiarimenti sull'arresto del compagno, sentendosi rispondere: "ora devo andare a una colazione importante". Ah beh. Film di poliziotti che si prendono a testate che si fa fatica davvero a seguirlo senza spazientirsi per la ridondanza delle stonature (occhio alla foto sulla lapide!). Nella nostra italietta, tematiche come quella su cui basata la storia (il marciume nell'apparato delle forze dell'ordine) erano state ben pi egregiamente tratteggiate una trentina di anni prima, all'alba degli anni '70... [FB]

 

[ID] di O. MARCHAL, con D. AUTEIL e G. DEPARDIEU, POLIZIESCO/NOIR, FRANCIA, 2004, 110', 2.35:1