F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 6 0        1 9 6 1        1 9 6 2        1 9 6 3        1 9 6 4       1 9 6 5        1 9 6 6        1 9 6 7        1 9 6 8        1 9 6 9        >

 

●●●




IL COMMISSARIO PEPE
PRENDI I SOLDI E SCAPPA
BUTCH CASSIDY
SATYRICON
DILLINGER è MORTO
TOPAZ

AL SERVIZIO DI SUA MAESTà
IL MUCCHIO SELVAGGIO
UN UOMO DA MARCIAPIEDE

QUEIMADA
LA CADUTA DEGLI DEI
EASY RIDER

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
 

"esordio di Woody Allen dietro la mdp"

 

 

Un idiota, tale Virgil Starkwell, votato al crimine per sua sfortuna, tant'è che non riesce a combinarne una buona, si innamora di una ragazza. Ciò non gli fa cambiare le abitudini, anzi, ora che sta mettendo su famiglia dovrà intensificare il "lavoro". Mal gliene coglie che finisce dopo una rapina in banca disastrosa si vede comminare 10 anni di reclusione. Ma come dice egli stesso ad un galeotto: "non esiste prigione che..." "Prendi i Soldi e Scappa" è il primo vero di film dove il comico emergente Woody Allen curò direttamente la regia, e dato che ci siamo voglio ricordare una pellicola in cui lui fu invece solo attore come il divertentissimo  PROVACI ANCORA SAM  Quello che può tranquillamente essere considerato il più grande comico americano degli ultimi trent'anni, già butta nello stesso lavoro una comicità che guarda alle comiche del muto con il tipico humor yiddish (si trasformerà in un un ebreo ortodosso come effetto collaterale di un siero a cui farà da cavia per avere uno sconto di pena). La voce over anticipa poi quello che a mio parere sarà il vero capolavoro del regista, che sarebbe arrivato di qui a una quindicina di anni: tanti, ma anche pochissimi, considerata l'opera di uno dei più prolifici autori statunitensi. Da questo film in poi, infatti, Allen girerà un film all'anno, mantenendosi, pur tra alti e medi (forse nemmeno si può parlare di "bassi") sempre ad un buon livello. Pur ancora frammentario come narrazione e regia (é un'opera prima, ripeto) Allen mette a segno comunque alcuni colpi irresistibili: i genitori con occhiali e baffi finti che parlando del figlio non si vedono d'accordo al definirlo "un criminale" (il padre, intervistato, esordirà: "dire che gli avevo insegnato la Bibbia a bastonate!") deragliamenti nel puro non-sense (il secondino della colonia penale che frusta l'ombra) e la rapina in banca (saccheggiata dal cinema italiano a piene mani). "Restate calmi e aPite con calma..!" [FB]

 

[TAKE THE MONEY AND RUN] DI E CON W. ALLEN, J. MARGOLIN, COMICO, USA, 1969, 85', 1.85:1