F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 8 0        1 9 8 1        1 9 8 2        1 9 8 3        1 9 8 4      1 9 8 5        1 9 8 6        1 9 8 7        1 9 8 8        1 9 8 9        >

 

 

BRAZIL
RITORNO AL FUTURO
LA ROSA PURPUREA DEL CAIRO
FUORI ORARIO
COMMANDO
IL GIORNO DEGLI ZOMBI

L'OCCHIO DEL GATTO
PHENOMENA
RE ANIMATOR
DEMONI
LA  MESSSA Ŕ FINITA
HANNAH E LE SUE SORELLE
IL COLORE VIOLA
L'ANNO DEL DRAGONE
WITNESS IL TESTIMONE

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
     

 

Un soriano riceve una richiesta di aiuto da parte di una bimba minacciata da un folletto che nottetempo le ruba il respiro. Non sarÓ facile raggiungerla all'altro capo dell'America, e nel periglioso tragitto sarÓ in un primo tempo catturato come cavia per un'associazione che si propone di liberare i propri clienti dal vizio del fumo attraverso metodi da gangster, e poi assoldato da un miliardario con la passione per le scommesse... I titoli di testa valgono da soli il film: il gatto viene rincorso dal sanbernardo idrofobo Cujo in carne e pelliccia, e rischia di finire investito dalla Plymouth rosso fiammeggiante Christine! Due omaggi-citazione che rimandano immediatamente a chi sta dietro all'operazione "L'Occhio del Gatto", lo scrittore del Maine Stephen King, penna quanto mai attiva prestatasi nella prima metÓ degli anni '80 a fornire innumerevoli soggetti per il cinema horror statunitense. Due, i racconti che offrono lo spunto per altrettanti episodi uniti dalla presenza del bellissimo micione, tratti dalla raccolta "A volte ritornano". James Woods Ŕ perfetto nell'incarnare il tabagista che ha la sventura di rivolgersi ad un'associazione gestita da psicopatici (Alan King, simpatico figlio di puttana) che gli renderanno difficile qualsivoglia ricaduta, pena spietate ritorsioni sulla sua famiglia alle quali dovrÓ addirittura assistere sotto costrizione. Episodio dove la gestione dei tempi Ŕ encomiabile e dall'efficace zampata finale. Troviamo poi nel secondo segmento quel Kenneth McMillian che avevamo lasciato sul pianeta Dune a proporre all'amante della moglie, ex campione di tennis, il modo per portare a casa il game e tutto il match: episodio pi¨ debole dal punto di vista narrativo e scontato nel twist conclusivo. Molto meglio il numero finale, ideato da King per l'occasione, che mette in scena in coda il superscontro clou gatto VS folletto con la piccola Barrymore in debito d'ossigeno. Complessivamente, un film godibile. [FB]

 

[CAT'S EYE] di L. TEAGUE, CON J. WOODS, D. BARRYMORE,  HORROR, USA, 1985, 98', 2.35:1, VOTO: 7,6,8