F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        1 9 8 0        1 9 8 1        1 9 8 2        1 9 8 3        1 9 8 4      1 9 8 5        1 9 8 6        1 9 8 7        1 9 8 8        1 9 8 9        >

 

 

BRAZIL
RITORNO AL FUTURO
LA ROSA PURPUREA DEL CAIRO
FUORI ORARIO
COMMANDO
IL GIORNO DEGLI ZOMBI

PHENOMENA
RE ANIMATOR
SPACE VAMPIRES
DEMONI
LA  MESSSA FINITA
HANNAH E LE SUE SORELLE
IL COLORE VIOLA
L'ANNO DEL DRAGONE
WITNESS IL TESTIMONE

COMIC THRILLER DRAMA

T R A I L E R

   
     

 

Un tizio mascherato da terminator, distribuisce biglietti per il cine gratis. Si precipitano "un tot". Moriranno. Faranno anche "dei cimiteri le loro cattedrali e delle citt le vostre tombe", ma "Demoni" resta un raro crogiuolo di rozzume. Gi l'inizio non dei migliori: l'atroce motivetto elettronico di Simonetti plagia "Blade Runner" e Grieg (ogni tanto, lui ci mette anche del suo, ruttando nel vocoder). La trama quanto di pi sgangherato si possa immaginare in un susseguirsi di situazioni assurde, oltre il ridicolo: una moto in esposizione all'entrata del cinema (con su un fantoccio mascherato da demonio) la "mascherina" del cinema che si aggira su e gi per la sala con la torcia elettrica come un vigilantes, un pappone nero e due mignottone, un cieco (nel cinema!) Urbano Barberini, e potrei continuare. La recitazione del quartetto protagonista (c' pure Natasha Hovey) ai minimi sindacali: quando osservano il mignottone in trasformazione, la performence da recita scolastica. E il doppiaggio? Criminale. Fate caso poi al negrone doppiato da un ragazzino al quale hanno detto "fai la voce grossa da negro". Scoppia il panico e si da il via al solito rockaccio "spesso" che manda a ramengo qualunque residuo di eventuale tensione. E che dire del montaggio alternato con i giovinastri punk che si tagliano la "ggioga", con la strafatta che biascica: "Anche nelle mutande m' andata a finire sta puttana di roba!", ripresa dall'amichetto sprezzante: "Tanto a te, tutto l ti va a finire"? Questo, quando in platea (i sopravvissuti sono trincerati in galleria) i mostri proliferano e vomitano ovunque, intolleranti allo yogurt alla mela verde, prendendosi sberloni " la Bud Spencer" dagli ultimi volenterosi. In totale assenza di autoironia e di divertissement citazionista, il becero straborda ancora raggiungendo livelli da bar dello sport. E deve ancora cadere dal soffitto l'elicottero di Big Jim, prima della fuga finale in jeep, d'ordinanza. [FB]

 

di L. BAVA, CON N. HOVEY E U. BARBERINI,  HORROR, ITALIA, 1985, 92', 1.85:1, VOTO: 4