F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<     ROYA      NERVIA      ARMEA       ARGENTINA      PRINO      ARROSCIA      IMPERO      DIANESE      LERRONE      NEVA     >

 

 

SAN LORENZO
LINGUEGLIETTA
CIPRESSA
BOSCOMARE
PIETRABRUNA

CIVEZZA

*

DOLCEDO
BELLISSIMI
MOLINI DI PRELÓ
PANTASINA
VASIA
CAPPELLA SANTA BRIGIDA

1/4    2/4    3/4    4/4

MAPPE NON DISPONIBILI

   
     

 

Il borgo di  VASIA  Ŕ situato alle falde del monte Acquarone e dista da Imperia circa 11 km. Nel Medioevo il comune venne compreso nella Castellania di Pietralata Superiore, legando la sua storia medioevale al vicino comune di PrelÓ. Divenne dominio feudale dei signori di Ventimiglia e successivamente della famiglia Lascaris e pass˛ alla famiglia reale Savoia, quindi nel Regno di Sardegna e definitivamente nel Regno d'Italia. Due i modi per raggiungere Vasia da Dolcedo: attraversare il ponte sul Prino e svolare a sinistra risalendo il crinale sulla destra o a sinistra volgendo al versante opposto, attraverso Molini di PrelÓ e Pantasina. Da quest'ultima parte si percorrerÓ il passante della valle, calandosi alla quota di Vasia. Viceversa, a sinistra del ponte di Dolcedo si risalirÓ una strada su pendenze subito aggressive e poi pi¨ facilmente approntabili (foto 1) dominando la valle del Prino (foto a lato) raggiungendo il paese di Vasia (foto 2) alle cui porte incontreremo l'Oratorio dell'Immacolata concezione del 1700 (foto 3) imponente costruzione progettata dagli architetti Pasquale Carli e Filippo Marvaldi di Candesco, contenente la statua del Cristo Risorto, opera lignea dello scultore Carlo Plura di Lugano (circa 1730). Poco oltre, nel centro cittadino, a quota 410 metri, incontreremo la Chiesa parrocchiale di Sant'Antonio abate, ricostruita nel 1640, con il suo alto campanile ottocentesco (quasi 50 metri) opera del capomastro svizzero Ignazio Monti. All'interno sono visibili due polittici del XV e del XVI secolo. Seguitando, potremo percorrere ugualmente un anello (foto 4) intorno alla valle e i suoi centri (Pianavia, Pantasina e Molini di PrelÓ). L'economia Ŕ prevalentemente legata all'agricoltura, specie nella produzione di olio di oliva. Di pregio anche la viticoltura e l'apicoltura. Il turismo Ŕ in costante crescita, legato soprattutto ai turisti stranieri, per lo pi¨ provenienti dalla Germania. [FB]

 

DIST (DA IMPERIA) 11 KM - SAL 5 KM - H 410 MT - PEND <10% - GIRO ? - CAT M