F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<  ROYA  BEVERA  NERVIA 1  NERVIA 2  VERBONE  ARMEA  ARGENTINA  PRINO  ARROSCIA  IMPERO  DIANESE  LERRONE

 

 

SEGLIA
VARASE
TORRI
SERRO SUPERIORE
TORRI SUPERIORE

MONTE POZZO

PARCO FLUVIALE VENTIMIGLIA


SANTA MARIA ASSUNTA
SAN MICHELE ARCANGELO
FORTE SAN PAOLO
PEIDAIGO
CASTEL D'APPIO
LATTE STRADA ROMANA

1/4    2/4    3/4    4/4

MAPPE NON DISPONIBILI

   
 

"Confine di Stato-Ventimiglia-Parco Fluviale"

 

 

 

Situato in prossimitÓ della foce del Nervia il  PARCO FLUVIALE DI VENIMIGLIA  si colloca al termine della ciclabile di Ventimiglia, prima della passerella (foto 2,3). Qui, un'area abbastanza ambia Ŕ stata attrezzata di attrezzi per la ginnastica, trasformando il luogo (foto a lato) in una palestra a cielo aperto su modello francese (Les Sablettes a Menton). L'Oasi del Nervia Ŕ un'area faunistica compresa nel territorio comunale dei due comuni rivieraschi di Ventimiglia e Camporosso, sino alla foce in mare (foto 4). ╚ la parte terminale di un SIC definita anche come Zona Speciale di Conservazione. Il Nervia Ŕ stato inserito nella rete Natura 2000 creata dall'Unione europea per la protezione e la conservazione degli habitat e delle specie, animali e vegetali, identificati come prioritari dagli Stati membri dell'Unione europea. Inserita nella piana del torrente Nervia, l'oasi ha una superficie complessiva di 60.000 mq. All'interno dell'oasi sono state catalogate quasi 160 specie botaniche, la maggior parte comprese da alberi di alto fusto come la cannuccia di palude, tifa, la veronica e il crescione. Sono inoltre presenti vaste aree di canneti utili soprattutto ai volatili come habitat naturale o per l'autodepurazione della zona faunistica.I volatili sono stati censiti e catalogati in 140 specie quali lo svasso, il tuffetto, l'airone (foto 3) anatre, limicoli, gabbiani, rallidi, passeriformi e altre specie. Tra i mammiferi si segnalano la volpe, il riccio, il toporagno, il mustiolo, l'arvicola e i rettili orbettino, ramarro, il colubro lacertino, natrice viperina e la lucertola ocellata. La prima ufficializzazione o idea di progetto Ŕ avvenuta nel 1982 con la delibera di destinazione, da parte del consiglio provinciale di Imperia, dell'area della foce del Nervia a zona di protezione.Dal 2005, il Torrente Nervia Ŕ protetto anche lungo il suo percorso per un'area di 44 ettari: Ŕ stato istituito il sito di interesse comunitario. [FB]

 

* DATI NON DISPONIBILI *