F A B I O B O R E L L I  H O M E                        R E C E N S I O N I C I N E M A                         T E M P O L I B E R O B I K E





<        2 0 2 0        2 0 2 1        2 0 2 2        2 0 2 3        2 0 2 4       2 0 2 5        2 0 2 6        2 0 2 7        2 0 2 8        2 0 2 9        >

 

●●●

RELIC
ANTEBELLUM
L'UOMO INVISIBILE
STO PENSANDO DI FINIRLA QUI
The LODGE
THE HATER
IL GIORNO SBAGLIATO
ORIGINI SEGRETE
GRETEL E HANSEL
THE VIGIL
THE BABY SITTER KILLER QUEEN
SOTTO LO ZERO
INCISO NELLE OSSA
OFFERTA ALLA TORMENTA
THE GRUDGE

COMIC THRILLER DRAMA TV

PAG 2

   
 

"come ha scritto qualcuno, non si pu˛ non voler bene ad un film come questo..."

 

 

Sopravvissiuto ad un naugragio a causa dell'incursione di un mostro marino, Ŕ naturale che da grande il 'nostro' diventi un cacciatore, alla guida, in realtÓ come "secondo", di un veliero. La sua prospettiva cambierÓ dopo l'incontro con una bambina, la quale stabilitÓ empatia telepatica con un gigantesco mostro femmina... Diretto da quel Chris Williams, autore di "Koda" e "Oceania" che proprio non ho visto, e nemmeno ho intenzione di farlo in futuro, "Il Mostro dei Mari" Ŕ il suo ultimo film di animazione, che sbarca direttamente on demand sul circuito 'Netflix'. Il livello di realismo non Ŕ affatto male, tanto che in taluni momenti ci si domanda se le riprese "aeree" si rifacciano a scenari naturali reali piuttosto che costruiti (come sono) interamente in CGI. Inizialmente, per quanto frenetiche, le riprese del primo combattimento, pur impeccabili a livello realizzativo, non riescono a convincerere appieno, e la partecipazione da spettatore stenta a scattare. Ma da quando i due protagonisti, il cacciatore e una piccola orfana di colore, finiscono trasportati dal palato molle del mostrone fucsia (in Collodi-style) sulla terraferma di un'isoletta tropicale, la storia inizia a decollare, e con questa l'immedesimazione. Il discorso si sposta infatti dal piano della "vendetta" a quello della "comprensione", e poi l'empatia, che va di pari passo a quella che si stabilisce, tra mostro e umani. Tanto che la tenzione tra questi e il granchio gigante, oltre a ricordare positivamente gli epici scontri godzilliani, andrÓ a esplodere nell'epico scontro tra "La Furia Rossa" e la nave con arpione, la cattura, e la "pacificazione" finale. Il ritmo langue e si nota uno squilibrio dall'accessiva frenesia di taluni momenti alla stanca totale di altri. Ma come si legge in giro "Ú difficile voler male a un film che trasuda passione (dei realizzatori) in ogni singolo fotogramma".  [FB]

 

[ID] di C. WILLIAMS, ANIMAZIONE, uSA/CANADA, 2022, 119', 1.85:1